Bar in crisi, APPE: Vanno tutelati



Last modified date

In breve

Padova, 27 maggio 2023

...

Un settore pronto a “cambiare pelle”, che necessita di sostegno da parte delle amministrazioni locali: è quanto emerge dall’analisi svolta dall’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi – APPE – di Padova, su dati Infocamere, e relativa alle attività di pubblico esercizio, con particolare riferimento ai bar giornalieri (quelli che aprono al mattino presto e chiudono entro le ore 22).

I numeri, riferiti all’anno 2022, vedono a livello provinciale 4.861 attività iscritte al Registro delle Imprese nel settore Ateco “56 – Servizi di ristorazione” (che comprende ristoranti, bar e catering), contro le 5.008 imprese dell’anno precedente e le 5.166 (massimo storico) registrate nel 2018.

«In soli 4 anni – dichiara il vice Presidente Matteo Toniolo – abbiamo perso più di 300 attività, vale a dire il 6% del totale, ma l’aspetto più drammatico è che le chiusure riguardano quasi esclusivamente il settore dei bar: meno 122 nel solo anno 2022».

Indebitamenti contratti durante il periodo Covid, costi aumentati in modo spropositato, consumi in calo e impossibilità di aumentare in modo adeguato i listini: sono gli elementi che, secondo l’Associazione degli esercenti, hanno portato tante attività di bar ad abbassare definitivamente le serrande.

«Il turn-over – sottolinea il vice Presidente – nel settore dei pubblici esercizi è sempre stato particolarmente elevato, ma adesso stiamo registrando picchi preoccupanti: secondo gli ultimi dati in nostro possesso, più della metà dei locali chiude entro i primi cinque anni di vita».

Eppure, secondo l’Associazione che a Padova e provincia è quella più rappresentativa del settore turistico, i bar sono un vero e proprio “patrimonio” da salvaguardare.
«Sono imprese – conferma Toniolo – che presidiano il territorio, anche nei giorni e orari in cui le altre attività sono chiuse, sono anche un punto di ospitalità per cittadini e turisti, svolgono un servizio di ristoro e accoglienza e, non ultimo, di sicurezza».

Ma è su un altro aspetto che l’APPE pone l’accento: l’esigenza di socialità, in una società dove gli individui sono sempre più “s-connessi a distanza”.
«L’evoluzione dei social – sottolinea il Vice Presidente – ha portato con sé la trasformazione dell’uomo da “animale sociale” a individuo singolo: pensiamo a quante monoporzioni vengono vendute al supermercato e poi consumate tristemente sulla scrivania dell’ufficio o seduti su una panchina. Stiamo realmente perdendo il carattere sociale e socievole che ha caratterizzato il fascinoso e acclamato “Italian way of life”, per andare a finire nell’isolazionismo di stampo anglosassone».

Ecco che, dunque, i bar diventano anche presidio di socialità, di conversazione e confronto.
«Pensiamo – conferma Toniolo – a quante amicizie, quanti affari e quanti scambi di idee sono nati e maturati al tavolo di un bar, a partire dai “caffè” del settecento, fino ai giorni nostri: ecco, se dovessi dare una definizione di bar, direi che è un “social network reale”, con tutti i vantaggi del caso, come ad esempio poter condividere emozioni e racconti in compagnia».
Molti clienti stanno orientando i propri consumi verso altre formule, come il “vending” (le classiche macchinette da caffè presenti ormai in tutti gli uffici) o l’acquisto di prodotti preconfezionati al supermercato, creando così difficoltà al settore dei pranzi veloci, delle colazioni e degli aperitivi.
«Siamo sicuri – sottolinea il Vice Presidente APPE – che la qualità del prodotto erogato dai distributori automatici sia equivalente a quella garantita da un barista professionista, con materie prime di qualità? Per non parlare – prosegue – di tutto il tema della sostenibilità ambientale: pensiamo a un tramezzino preso al bar, che al massimo ha un tovagliolo di carta, con uno acquistato al supermercato, lavorato e prodotto a livello industriale, magari giorni prima, e venduto utilizzando involucri di plastica, borse e sacchetti vari».

Tutti motivi, secondo l’APPE, che dovrebbero spingere le amministrazioni centrali e locali a tutelare e salvaguardare queste imprese.
«Aiutare un bar – conferma Toniolo – vuol dire salvare posti di lavoro, ma anche garantire decoro urbano, sicurezza del territorio, accoglienza ai cittadini. Pensiamo – conclude – a come sarebbero le nostre città senza locali: buie, abbandonate al degrado e alla sporcizia e facile preda di malintenzionati vari».

Il settore dei bar a Padova
• Sono circa 2.000 (tra sedi e unità locali) i bar e similari presenti a Padova e provincia. Di questi, circa un migliaio nel solo territorio comunale di Padova.
• I bar danno lavoro a circa 8.000 lavoratori dipendenti: circa il 55% dei lavoratori sono donne.
• Quasi il 40% dei bar sono imprese femminili, i cui titolari o legali rappresentanti sono donne



Condividi/stampa: