Nuovo Decreto: stop al “cashback”, credito d’imposta integrale sulle spese POS e altro

Last modified date

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge n. 99, che introduce alcune disposizioni di carattere economico che interessano anche i pubblici esercizi.

Sospensione del cosiddetto “Cashback”

Come largamente anticipato dagli organi di stampa, il programma “cashback” viene sospeso per il semestre 1° luglio – 31 dicembre 2021. Le risorse risparmiate saranno utilizzate per finanziare un Fondo destinato a finanziare gli ammortizzatori sociali.

Credito d’imposta commissioni bancarie POS

Il credito d’imposta sulle commissioni maturate nel periodo dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022 per le transazioni effettuate mediante strumenti di
pagamento elettronici (bancomat, carta di credito) da parte di clienti finali è aumentato al 100% (prima era al 30%). Possono beneficiare di tale credito d’imposta solo i soggetti con ricavi relativi all’anno d’imposta precedente non superiori a 400.000 euro.

Attenzione: l’incremento al 100% si applica nei soli casi in cui l’esercente adotti:

  • strumenti di pagamento elettronico collegati agli strumenti di cui all’art. 2, comma 3 del D. Lgs. n. 127/2015 (vale a dire gli apparecchi che consentono la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi);
  • sistemi di pagamento evoluto di cui all’art. 2, comma 5-bis del D.Lgs n. 127/2015 (ossia strumenti di pagamento elettronico che consentono anche la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi).

Crediti d’imposta per l’acquisto, il noleggio o l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronico

Viene introdotto un credito d’imposta, con un massimo di 320 euro, per l’acquisto o il noleggio di POS collegati a registratori telematici o POS evoluti.

Proroghe in materia di riscossione

Viene prorogata al 31 agosto 2021 la sospensione dei termini di versamento derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione, nonché dagli avvisi di accertamento esecutivi emessi dall’Agenzia delle Entrate e dagli avvisi di addebito emessi dagli enti previdenziali. I versamenti oggetto di temporanea sospensione dovranno essere effettuati in un’unica soluzione entro il mese successivo al termine del periodo di sospensione (quindi, entro il 30 settembre 2021).

Sono altresì sospesi:

  • la procedura di compensazione tra credito d’imposta e debito iscritto a ruolo;
  • gli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi, aventi ad oggetto le somme dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego.

Semplificazione e rifinanziamento della misura Nuova Sabatini

La disposizione prevede un rifinanziamento della misura c.d. “Nuova Sabatini” – concernente i finanziamenti per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte delle PMI – di cui all’art. 2, del D.L. n. 69/2013, convertito con modificazioni dalla L. n. 98/2013, per la quale l’autorizzazione di spesa per l’anno 2021 viene integrata di 425 milioni di euro.

Maggiori informazioni

Per maggiori informazioni è possibile contattare la Segreteria APPE (tel. 049.7817222 – email appe@appe.pd.it)

Documenti da scaricare

Decreto Legge n. 99



Condividi/stampa:

Lascia un commento