Credito d’imposta sanificazione, per il 2021 è confermato il 30%



In breve

Come già comunicato, era possibile presentare fino allo scorso 4 novembre la domanda per ottenere il credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione in ottica “anti-Covid”. Si tratta di una misura introdotta dal cosiddetto decreto “Sostegni-bis”,...

...

Come già comunicato, era possibile presentare fino allo scorso 4 novembre la domanda per ottenere il credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione in ottica “anti-Covid”.

Si tratta di una misura introdotta dal cosiddetto decreto “Sostegni-bis”, che prevede un credito d’imposta, pari al 30% delle spese sostenute nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021, per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, nonché per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti comprese le spese per i tamponi per il Covid-19, fino a un massimo di 60.000 euro per ciascun beneficiario, nel limite complessivo di 200 milioni di euro.

Secondo le indicazioni del citato Provvedimento, tenuto conto dell’esigenza espressa dal legislatore di garantire il rispetto del limite di spesa, dopo aver ricevuto le comunicazioni delle spese ammissibili con l’indicazione del credito teorico, l’Agenzia delle Entrate determina la quota percentuale dei crediti effettivamente fruibili in rapporto alle risorse disponibili e la rende nota con successivo provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate, da emanare entro il 12 novembre 2021.

Tanto premesso, ora, con il provvedimento del 10 novembre 2021, viene disposto che la suddetta percentuale è pari al 100 per cento in quanto l’ammontare complessivo dei crediti d’imposta risultante dalle comunicazioni validamente presentate entro il 4 novembre 2021, in assenza di rinuncia, è pari a 83.076.075 euro, importo inferiore al limite di spesa previsto di 200.000.000 euro.

Pertanto, secondo le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate, gli interessati potranno beneficiare interamente del credito d’imposta richiesto (30% delle spese comunicate), senza alcuna defalcazione. Si ricorda che il beneficio può essere utilizzato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa oppure in compensazione tramite F24.



Condividi/stampa: