Credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione



In breve

Dal 4 ottobre 2021 e fino al 4 novembre 2021 (come disposto con Provvedimento n. 191910/2021 del 15.7.2021 del Direttore dell’Agenzia delle Entrate) potranno essere presentate, esclusivamente con modalità telematiche, le domande per accedere al credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto...

...

Dal 4 ottobre 2021 e fino al 4 novembre 2021 (come disposto con Provvedimento n. 191910/2021 del 15.7.2021 del Direttore dell’Agenzia delle Entrate) potranno essere presentate, esclusivamente con modalità telematiche, le domande per accedere al credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione, previsto dall’articolo 32 del D.L. “Sostegni bis”.

Il credito d’imposta, in misura pari al 30% delle spese sostenute, fino a un massimo di 60.000 euro per ciascun beneficiario e nel limite complessivo di 200 milioni di euro per l’anno 2021, nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021 viene riconosciuto per le seguenti spese ammissibili:

  1. la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro;
  2. la somministrazione di tamponi a coloro che prestano la propria opera nell’ambito delle attività lavorative;
  3. l’acquisto di dispositivi di protezione individuale;
  4. l’acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti;
  5. l’acquisto di altri dispositivi di sicurezza, quali termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, ivi incluse le eventuali spese di installazione;
  6. l’acquisto di dispositivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione.

Il credito d’imposta potrà essere utilizzato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa oppure in compensazione tramite F24.

Per maggiori informazioni è possibile contattare il proprio consulente fiscale o, per chi è assistito da APPE nella tenuta della contabilità, l’ufficio contabilità dell’Associazione.

 



Condividi/stampa:

1 Response