Accesso ai servizi online INPS: dal 1° ottobre solo con SPID



In breve

Scatta il prossimo 1° ottobre la dismissione del PIN per poter accedere ai servizi online del sito INPS (vedi notizia già data nel 2020). Dall’1/10/2021, infatti, l’unico modo per accedere all’area riservata del portale dell’Istituto di previdenza è il possesso...

...

Scatta il prossimo 1° ottobre la dismissione del PIN per poter accedere ai servizi online del sito INPS (vedi notizia già data nel 2020).

Dall’1/10/2021, infatti, l’unico modo per accedere all’area riservata del portale dell’Istituto di previdenza è il possesso dello SPID.

Questa la data di cessazione definitiva del Pin comunicata dall’Inps con Circolare n° 95 del 2 luglio 2021. Nel provvedimento Inps spiega che: “Ai fini dell’attuazione dell’articolo 64, comma 3-bis, del decreto legislativo n. 82/2005, i PIN già rilasciati dall’Istituto alla data del 1° ottobre 2020, rimasti in vigore nel periodo transitorio, devono essere dismessi entro il 30 settembre 2021″. Tuttavia, il PIN dispositivo sarà mantenuto per gli utenti che non possono avere accesso alle credenziali SPID, come ad esempio i minori di diciotto anni o i soggetti extracomunitari, e per i soli servizi loro dedicati.

Cos’è lo Spid

Lo Spid è un sistema pubblico di identità digitale, che garantisce l’accesso a tutta una serie di servizi offerti dalla pubblica amministrazione, perché si basa su un riconoscimento dell’identità della persona che lo ottiene.

Se si è residenti in Italia, per ottenerlo occorrono:

  • un indirizzo e-mail
  • il numero di telefono del cellulare normalmente usato
  • un documento di identità valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente, permesso di soggiorno)
  • la tessera sanitaria con il codice fiscale

Per richiedere il codice Spid, ogni cittadino può scegliere liberamente uno degli 8 “identity provider” che consentono di registrarsi sul proprio sito.
Per conoscere e avviare la procedura di rilascio si può andare sul sito istituzionale www.spid.gov.it/richiedi-spid e vedere qual è la modalità di richiesta da uno dei fornitori che si dovrà scegliere (Aruba, Infocert, IntesaId, Lepida, Namirial, Tim, Poste, Sielte, SpidItalia).



Condividi/stampa: