Nuova ordinanza regionale: esteso il concetto di “conviventi” per la deroga alle distanze interpersonali

Last modified date

Con la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale Regionale dell’Ordinanza n. 84 del Presidente della Giunta Regionale del Veneto, Luca Zaia, viene fatto un importantissimo passo in avanti sul cammino del lento ritorno alla normalità per le attività di somministrazione di alimenti e bevande.

Al punto 3) dell’Ordinanza, infatti, dopo aver premesso che <<le disposizioni ampliative contenute nelle ordinanze regionali prevalgono sulle linee guida di cui al capoverso precedente [il riferimento è alle linee guida della Conferenza delle Regioni]>>, si scrive a chiare lettere che: <<la deroga al distanziamento sociale solo per i conviventi si estende anche ai congiunti e a tutte le persone con le quali si intrattengono relazioni sociali abituali ovvero frequenza di contatti e rapporti di rafforzata continuità (frequentatori/commensali abituali)>>.

In pratica, cercando di interpretare il testo dell’Ordinanza, non ci dovrebbe più essere l’obbligo di rispettare il distanziamento interpersonale di 1 metro per colleghi di lavoro, parenti (anche non conviventi), amici “stretti”, compagni di classe e altri “frequentatori abituali”.

È importante sottolineare che, sempre nell’Ordinanza, è specificato che la responsabilità della correttezza dei comportamenti afferisce sempre ai singoli soggetti interessati (anche perché l’esercente comunque non ha né i poteri né i mezzi per verificare le dichiarazioni dei propri clienti).

Nella medesima ordinanza si prescrivono, tra gli altri, anche i seguenti obblighi:

  • obbligo di tampone per determinate figure professionali che rientrano dall’estero;
  • obbligo di tampone persone che nei 14 giorni precedenti hanno transitato o soggiornato (o che comunque si sono recati) in Romania o Bulgaria;
  • obbligo di quarantena per le persone che rientrano o entrano in Veneto dai paesi esteri di cui all’allegato 1 all’Ordinanza;
  • obbligo di tampone (e isolamento in attesa del risultato) per le persone che rientrano o entrano in Veneto dai paesi esteri di cui all’allegato 2 all’Ordinanza (Grecia, Repubblica di Malta, Spagna, Croazia).

Per maggiori dettagli si rinvia alla lettura dell’Ordinanza e dei relativi allegati.



Condividi/stampa: