Finanziamenti agevolati fino a 50 mila euro dalla Regione Veneto



Last modified date

In breve

La Regione del Veneto, al fine di supportare le imprese venete colpite dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, con deliberazione della Giunta regionale n. 618 del 19 maggio 2020, ha attivato un intervento straordinario finalizzato alla concessione di finanziamenti agevolati per esigenze...

...

La Regione del Veneto, al fine di supportare le imprese venete colpite dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, con deliberazione della Giunta regionale n. 618 del 19 maggio 2020, ha attivato un intervento straordinario finalizzato alla concessione di finanziamenti agevolati per esigenze di liquidità.

L’intervento è gestito dalla finanziaria regionale, Veneto Sviluppo S.p.A., per il tramite delle Banche, dei Confidi e degli
Intermediari finanziari iscritti nell’albo previsto dall’art. 106 del Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (TUB) previamente individuati dal gestore tramite avviso pubblico.

Possono beneficiare dell’intervento straordinario le PMI (Piccole e Medie Imprese) che alla data di presentazione della domanda risultano in possesso dei seguenti requisiti:

  • aver subito una crisi di liquidità a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 per effetto della sospensione o
    della riduzione dell’attività;
  • essere regolarmente iscritte nel registro imprese istituito presso la camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura competente per territorio o all’albo delle imprese artigiane e attive alla data dell’8 marzo 2020;
  • avere sede operativa nel territorio della Regione del Veneto alla data dell’8 marzo 2020.

Caratteristiche del finanziamento:

  • importo minimo: 5.000 Euro;
  • importo massimo: 50.000 Euro (inteso anche come cumulo di più operazioni in capo al medesimo beneficiario);
  • durata: da 12 mesi a 72 mesi;
  • durata preammortamento: massimo 24 mesi;
  • tasso di interesse sulla provvista regionale: pari a zero;
  • contributo a fondo perduto erogato una tantum, pari al 100% dei costi del finanziamento sino ad un importo massimo di euro 2.000 per ciascun beneficiario;
  • rimborso: a rata mensile/trimestrale costante posticipata per il beneficiario;
  • nuovo finanziamento non finalizzato alla riduzione di precedenti affidamenti presso la Banca, il Confidi o l’intermediario finanziario che eroga il finanziamento agevolato.

Non è richiesta nessuna documentazione relativa alle spese sostenute con le somme erogate.

L’elenco degli intermediari finanziari presso i quali presentare domanda di agevolazione è rinvenibile a questo link.

Scarica la scheda sintetica dell’agevolazione



Condividi/stampa: