Fatture di energia pervenute da “A2A” – diretta Facebook con tutti i chiarimenti



Last modified date

In breve

Diversi esercenti, in questi ultimi giorni, chiedono informazioni all’Associazione, perché si vedono recapitare fatture, da parte dell’azienda “A2A Energia”, per consumi di energia elettrica effettuati a partire dal mese di luglio. Il dubbio è quello di una truffa o di...

...

Diversi esercenti, in questi ultimi giorni, chiedono informazioni all’Associazione, perché si vedono recapitare fatture, da parte dell’azienda “A2A Energia”, per consumi di energia elettrica effettuati a partire dal mese di luglio.

Il dubbio è quello di una truffa o di aver sottoscritto involontariamente qualche nuovo contratto. Nulla di tutto ciò: come già comunicato, dallo scorso 30 giugno è “semplicemente” scaduto il termine entro il quale le imprese avrebbero liberamente potuto scegliere un fornitore del cosiddetto “mercato libero”, essendo terminato il servizio svolto dal Servizio Elettrico Nazionale (l’ex monopolista).

Dal 1° luglio, pertanto, tutte le imprese che non avevano fatto scelte diverse, si sono ritrovate come fornitore “A2A Energia”, azienda che ha vinto il bando per la fornitura in 5 Regioni, tra cui il Veneto.

Cosa si può fare in questo momento? Quali sono le condizioni di fornitura? Posso cambiare fornitore oppure sono vincolato per un minimo di mensilità? Cosa succede se non riesco a pagare qualche fattura? Come mai i prezzi della fattura mi sembrano sensibilmente più alti rispetto a quelli dello stesso mese dell’anno scorso?

A questa e altre domande, risponderà il funzionario di Unoenergy, primaria azienda che opera nel settore energetico, nel corso del webinar online programmato per mercoledì 15 settembre alle ore 11.30, in diretta sulla pagina Facebook APPE (il video sarà comunque visibile anche in un secondo momento).

Gli esercenti interessati a ricevere risposte a domande specifiche sull’argomento, le potranno porre direttamente sotto forma di commento alla diretta video, oppure anticiparle fin d’ora via email a appe@appe.pd.it



Condividi/stampa: