Contributi alle imprese per il pagamento dei salari dei dipendenti

Data ultima modifica

Le imprese del Veneto che a causa dell’emergenza Covid-19 si sono trovate costrette ad attivare gli ammortizzatori sociali per i propri dipendenti potranno beneficiare di un contributo regionale fino all’80% della retribuzione mensile lorda del lavoratore in caso di reintegro.

È quanto prevede la nuova misura per la riduzione del costo del lavoro attivata dalla Regione del Veneto con un finanziamento di 34,7 milioni di euro.

Possono richiedere il contributo tutte le imprese da 1 a 49 dipendenti e con almeno un’unità produttiva/operativa ubicata nella Regione del Veneto, che rispettino i seguenti requisiti:

  • sono regolarmente costituite e operanti, anteriormente alla data del 31 dicembre 2020
  • rientrano in una delle seguenti classi dimensionali aziendali:
    • CLASSE A (da 1 a 5 dipendenti)
    • CLASSE B (da 6 a 9 dipendenti)
    • CLASSE C (da 10 a 25 dipendenti)
    • CLASSE D (da 26 a 49 dipendenti)
  • appartengono a uno specifico settore ATECO (per le attività di interesse APPE rientrano gli alberghi, i catering, le discoteche) – consulta l’elenco completo dei codici ATECO ammessi a presentare la domanda
  • non si trovano in una delle condizioni di difficoltà così come definite all’Art. 2, punto 18 lett. da a) ad e) del Reg. 651/2014 alla data del 31/12/2019
  • hanno sospeso o ridotto la propria attività produttiva a causa della pandemia di COVID-19
  • hanno ripreso la propria attività d’impresa alla data di presentazione della domanda.

I lavoratori presenti nella domanda di sovvenzione devono:

  • essere stati assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato (o con contratto di apprendistato professionalizzante) anteriormente alla data del 23 febbraio 2020;
  • essere stati beneficiari di ammortizzatori sociali con causale COVID-19;
  • essere a rischio licenziamento a causa degli effetti della sospensione o della riduzione delle attività aziendali dovuta alla pandemia.

Condizione indispensabile per accedere alla sovvenzione è che il personale dipendente per cui si richiede il contributo sia reintegrato e continui a svolgere l’attività lavorativa durante tutto il periodo per il quale è concesso l’aiuto economico.

Il valore del contributo può variare tra il 50% e l’80% della retribuzione mensile lorda del lavoratore dipendente ed essere riconosciuto per un periodo compreso tra i 3 e i 6 mesi, anche retroattivamente a decorrere dal 23 febbraio 2020 e comunque non oltre il 31 dicembre 2020. Il valore massimo concedibile per ogni impresa varia dai 15.000 euro ai 50.000 euro sulla base della classe dimensionale aziendale.

Le domande potranno essere presentate esclusivamente in modalità telematica tramite il portale www.cliclavoroveneto.it a partire dalle ore 15.00 del 30 luglio 2020 e con modalità a sportello, nei seguenti intervalli di date:

Sportello 1
30 luglio – 4 settembre 2020

Sportello 2
5 settembre – 2 ottobre 2020

L’accesso al servizio di acquisizione delle domande di aiuto è consentito solo agli utenti (rappresentante legale o intermediario autorizzato o eventuale delegato) che hanno completato con successo la stipula dell’accordo di servizio per poter operare sul portale regionale. È inoltre necessario essere in possesso di firma digitale.

Per maggiori informazioni è possibile consultare l’Avviso per la presentazione delle domande di contributo predisposto da Veneto Lavoro

 



Condividi/stampa: