Decreto “riaperture”, ulteriori chiarimenti dalla Prefettura di Padova

Last modified date

Dopo la pubblicazione del decreto “riaperture”, APPE aveva tempestivamente inviato una richiesta di chiarimenti alla Prefettura di Padova, al fine di ottenere risposte circa numerosi dubbi che riguardavano diversi aspetti operativi.

Tra questi, si ricordano:

  • la definizione di area all’aperto, a cui ha dato risposta la Regione Veneto con nota del 26 aprile 2021;
  • il consumo al banco, previsto sempre dalla medesima nota regionale;
  • l’attività di mensa contrattualizzata, consentita con nota regionale del 23 aprile.

Tra gli altri dubbi da chiarire, la Prefettura di Padova, con nota del 28 aprile 2021, ha affrontato l’importante tema delle “cause di forza maggiore” che dovessero intervenire nel bel mezzo di un servizio di pranzo o cena. In tal caso, rispondendo a uno specifico quesito di APPE, che chiedeva se fosse possibile proseguire la somministrazione al coperto, la Prefettura risponde che <<le cause di forza maggiore andranno valutate caso per caso dai singoli organi accertatori>>. Sembra di capire, pertanto, che nel caso di un evento non prevedibile che sopraggiunga durante il servizio, si possa proporre alla clientela di proseguire lo stesso all’interno del locale, anche non è del tutto chiaro cosa si possa intendere per “causa di forza maggiore” (si possono intendere come le circostanze estranee alla sfera di controllo dell’esercente, tra cui dovrebbe rientrare anche, ad esempio, un temporale improvviso). In ogni caso, sull’argomento si chiederanno ulteriori delucidazioni.

Attenzione: per “causa di forza maggiore” si deve intendere l’evento inatteso, non diversamente affrontabile se non con l’interruzione del servizio all’esterno. Cosa diversa, ad esempio, del “normale” freddo serale, della pioggia che dura tutta la giornata o di un vento fastidioso. In tal caso, trattandosi di eventi “ordinari”, l’unica cosa fattibile è annullare le prenotazioni o, se il servizio fosse già iniziato, proporre ai clienti di portar via per asporto le consumazioni ordinate e non ancora consumate.

Un altro aspetto sul quale APPE ha chiesto chiarimenti alle Autorità competenti riguarda la possibilità di svolgere una normale attività di ristorazione, in occasione di celebrazioni quali matrimonio, cresima, comunione, compleanno, laurea, ecc. Non appena ci dovessero essere le auspicate risposte, saranno diffuse tramite i consueti canali informativi dell’Associazione.

Per qualsiasi chiarimento o approfondimento è sempre possibile contattare la Segreteria APPE (tel. 049.7817222 – email appe@appe.pd.it).



Condividi/stampa: