Crash durante il click-day Invitalia, esercenti imbufaliti



Last modified date

In breve

Le domande andavano presentate a partire dalle ore 10: portale Invitalia in tilt da subito. APPE: «La procedura va invalidata e riaperta dopo aver risolto i problemi».

...

Aggiornamento: con comunicato pubblicato sul proprio sito web, Invitalia comunica:

È stata temporaneamente sospesa la presentazione delle domande relative al “Fondo per il sostegno delle eccellenze della gastronomia e dell’agroalimentare italiano” a causa di un disservizio tecnico della piattaforma informatica. La data di riapertura della piattaforma sarà comunicata con adeguato anticipo. Invitalia si scusa per il disagio.

—————————-

Da due anni le imprese aspettavano l’apertura del bando a sostegno delle eccellenze gastronomiche, promosso dal Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste e gestito da Invitalia, del valore di 76 milioni di euro e quando finalmente è arrivato il giorno fatidico per presentare le domande la piattaforma è andata in tilt. Nella mattina di venerdì 1° marzo decine di migliaia di imprese in tutta Italia sono in attesa di scaricare il modulo per presentare la domanda.

«Stimiamo – dichiara Federica Luni, Presidente APPE Padova – che nella sola provincia di Padova, siano coinvolte nel malfunzionamento della procedura almeno 1.000 o addirittura 1.500 imprese, tra ristoranti, pizzerie, trattorie, pasticcerie e gelaterie».

«I nostri centralini – rincara la dose – sono stati presi d’assalto da associati imbufaliti dopo interminabili attese davanti alla schermata “waiting room” del portale Invitalia».

L’ampia partecipazione da parte delle imprese della ristorazione e della pasticceria dimostra che c’è un grande bisogno di investire per rinnovare attrezzature, arredamenti e beni strumentali di vario genere ma anche che le risorse sono assolutamente insufficienti per rispondere a questa esigenza.

«Il meccanismo del click day – conclude la Presidente – si sta dimostrando inefficace e penalizzante per migliaia di imprese: il blocco della piattaforma impone che ci sia una sospensione dei termini e si riparta solo dopo aver risolto i problemi tecnici».



Condividi/stampa: