Comune di Padova, plateatico aggiuntivo gratuito

Data ultima modifica

Il Comune di Padova, con Ordinanza Sindacale n. 27 del 15 maggio 2020, ha disposto la possibilità di concedere, in via del tutto eccezionale e fino alla cessazione dello “stato di emergenza” nazionale (attualmente fissato al 31 luglio 2020), spazi esterni (plateatici) aggiuntivi rispetto a quelli già rilasciati.

Tali nuove concessioni, che beneficiano peraltro di alcune importanti deroghe alle limitazioni previste da vari regolamenti comunali, dovrebbero essere rilasciate a titolo gratuito, anche se per l’ufficialità di questa agevolazione occorre la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del cosiddetto “Decreto Rilancio” che, appunto, prevede la gratuità delle concessioni.

Sono interessati dall’Ordinanza sia i pubblici esercizi già in possesso di plateatico, sia i pubblici esercizi che non sono in possesso di area esterna.

Per le attività già in possesso di plateatico, il limite massimo concedibile è quello più ampio tra il 50% aggiuntivo e il doppio della superficie interna. Per le nuove concessioni, invece, l’unico vincolo è la concessione al massimo del doppio della superficie interna.

Potranno essere eccezionalmente concesse:

  • occupazioni prospicienti l’attività anche fuori dalla zona a traffico limitato;
  • occupazioni adiacenti o nei pressi dell’attività;
  • occupazioni su stalli di sosta, ad esclusione di spazi riservati a specifiche categorie di utenti/veicoli.

Attenzione: le suddette tipologie di occupazione sono soggette a valutazione degli uffici competenti a garanzia del mantenimento delle condizioni di sicurezza stradale, della possibilità di affaccio sulla pubblica via da parte di altre attività commerciali e di effettiva richiesta di parcheggio in zona.

Per le zone di Piazza dei Signori, Piazza dei Frutti, Piazza delle Erbe e Prato della Valle, sarà il Comune a prevedere, con apposite planimetrie, la concessione di ulteriori spazi.

Per maggiori dettagli si rinvia alla lettura dell’Ordinanza.

Scarica l’Ordinanza Sindacale

Nota: APPE provvederà nei prossimi giorni a trasmettere copia dell’Ordinanza del Sindaco del Comune di Padova a tutti i restanti 101 Comuni della Provincia di Padova, chiedendo espressamente che adottino, compatibilmente con le realtà territoriali di competenza, simili provvedimenti.



Condividi/stampa: