Camera di commercio, le pratiche vanno firmate digitalmente dal legale rappresentante

Dal 1° ottobre 2020 le pratiche presentate al Registro delle imprese della Camera di commercio (ad esempio variazioni societarie, deposito di bilancio, ecc.) per le società ed altri enti collettivi dovranno obbligatoriamente essere firmate digitalmente dal legale rappresentante.

In caso di nomine o variazioni delle cariche sociali, la firma deve essere apposta dai rispettivi soggetti nominati.

Viene pertanto eliminata la possibilità di sottoscrivere una “procura” (delega) a terzi a firmare digitalmente al proprio posto.

I legali rappresentanti delle società iscritte al Registro Imprese devono quindi dotarsi di un dispositivo di firma digitale o, qualora ne siano già in possesso, verificarne la validità e il funzionamento.

I certificati di firma, infatti, hanno validità per 3 anni dalla data del rilascio del dispositivo e possono essere rinnovati una sola volta, prima della scadenza, per ulteriori tre anni.

Nulla cambia, almeno per il momento, per quanto riguarda le ditte individuali, che potranno proseguire a dare mandato a terzi (ad esempio, al proprio commercialista o all’APPE) di sottoscrivere digitalmente per loro conto i vari documenti.

Per maggiori informazioni e per ottenere o rinnovare la propria firma digitale, è possibile contattare la Segreteria APPE (email appe@appe.pd.it – tel. 049.7817222).



Condividi/stampa: