Edicole non esclusive: credito d’imposta per l’anno 2020

Con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 31/05/2019 è stato istituito un credito d’imposta per edicole, esclusive e non esclusive, vale a dire “edicole pure” ed edicole inserite in un contesto di altro esercizio commerciale (bar, tabaccheria, libreria, ecc.).

In particolare, per quanto riguarda le edicole non esclusive, l’impresa beneficiaria deve essere in possesso del codice Ateco 47.62.10, in abbinamento a uno degli altri codici Ateco previsti, tra cui quello dei bar (56.30).

Il beneficio è inoltre riconosciuto soltanto nel caso in cui la rivendita (non esclusiva) rappresenti l’unico punto vendita al dettaglio di giornali nel comune di riferimento.

Il credito d’imposta, pari al massimo a 2.000 euro:

  • è parametrato agli importi pagati nell’anno precedente per IMU, TASI, COSAP, TARI e spese di locazione;
  • è commisurato al rapporto tra i ricavi provenienti dalla vendita di giornali e i ricavi complessivi.

Per accedere al beneficio è necessario presentare apposita domanda, in via telematica, allegando la prevista documentazione.

Collegati all’apposita pagina informativa predisposta dal Ministero dello Sviluppo Economico.



Condividi/stampa: