Contributi a fondo perduto dal GAL Patavino



Ultima modifica

In breve

Il G.A.L. (Gruppo di Azione Locale) “Patavino” ha recentemente emanato un bando per l’erogazione di contributi a favore delle imprese, con la finalità di agevolare la creazione e lo sviluppo di attività extra-agricole nelle zone rurali. Sono interessati anche i pubblici esercizi.


Tra le attività agevolabili, infatti, vi sono anche le imprese turistiche, per investimenti indirizzati ad accrescere la capacità dei territori di proporre un’offerta turistica aggregata ed integrata, legati al turismo rurale, al miglioramento della fruibilità del territorio rurale ed alla fornitura dei servizi turistici dello stesso, anche ai fini dell’ospitalità diffusa.

Si riportano di seguito le caratteristiche principali dell’iniziativa:

Imprese beneficiarie: Micro Imprese e Piccole Imprese che rientrano nei codici ATECO previsti (tra cui bar, ristoranti, pasticcerie, gelaterie e similari).

Ambito territoriale di applicazione (Comuni facenti parte del GAL Patavino): Agna, Anguillara Veneta, Arquà Petrarca, Bagnoli di Sopra, Baone, Barbona, Battaglia Terme, Boara Pisani, Borgo Veneto, Carceri, Cartura, Casale di Scodosia, Castelbaldo, Cinto Euganeo, Conselve, Due Carrare, Este, Galzignano Terme, Granze, Lozzo Atestino, Masi, Megliadino San Vitale, Merlara, Monselice, Montagnana, Montegrotto Terme, Ospedaletto Euganeo, Pernumia, Piacenza d’Adige, Ponso, Pozzonovo, Rovolon, San Pietro Viminario, Sant’Elena, Sant’Urbano, Stanghella, Teolo, Torreglia, Tribano, Urbana, Vescovana, Vighizzolo d’Este, Villa Estense e Vo’.

Interventi ammissibili: ristrutturazione e ammodernamento dei beni immobili. Acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature. Acquisto o sviluppo di programmi informatici, realizzazione di siti internet.

Importo a bando: euro 170.000 (centosettantamila).

Intensità del contributo: quota del 40% della spesa ammissibile per gli interventi immobiliari. Quota del 35% della spesa ammissibile per acquisto macchinari e attrezzature, programmi informatici, ecc.

Limiti minimi e massimi di spesa ammissibile: l’importo di spesa ammissibile non può essere inferiore a euro 15.000 (quindicimila) né superiore a euro 80.000 (ottantamila).

Criteri di priorità: il bando prevede determinati criteri per l’assegnazione di punteggi, che determinano la graduatoria finale di finanziabilità, fino a esaurimento dei fondi disponibili.

Invio della domanda e rendicontazione delle spese: la domanda va inviata a AVEPA (Agenzia VEneta per i Pagamenti in Agricoltura) entro martedì 22 marzo 2022. La rendicontazione delle spese va effettuata entro 18 mesi dal provvedimento di accoglimento della domanda (per gli interventi immobiliari) o entro 7 mesi per tutti gli altri interventi.

Attenzione: al momento dell’invio della domanda, il soggetto che richiede il contributo deve essere iscritto all’Anagrafe del Settore Primario. Per fare ciò, occorre aprire un “fascicolo aziendale” presso l’AVEPA o tramite un centro autorizzato per l’assistenza agricola (CAA). Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito http://www.avepa.it/fascicolo-aziendale

L’APPE può assistere gli associati nella predisposizione e invio della domanda di contributo: per maggiori informazioni è sufficiente contattare la Segreteria dell’Associazione al tel. 049.7817222 – email appe@appe.pd.it

Link di approfondimento (pagina del sito del GAL Patavino)



Condividi/stampa: