#BASTA! giocare sulla nostra pelle – cartelli da appendere

Last modified date

Le ultime decisioni del Governo, che hanno imposto la chiusura delle attività di pubblico esercizio per tutto il periodo natalizio, spingono gli esercenti di tutta Italia a manifestare il loro profondo dissenso.

#BASTA! non si può accettare che le aziende vengano trattate come un interruttore che si accende e si spegne a piacimento.

C’è bisogno della partecipazione e collaborazione di tutti: esercenti, fornitori, clienti, dipendenti e coloro che hanno a cuore che rimangano accese le luci dei locali.

Si invitano gli esercenti a scaricare i cartelli predisposti da APPE (tre cartelli diversi, sulla base delle attività che vengono svolte), affiggerli sulla vetrina dei propri esercizi, perché tutti possano vederli e condividere le foto delle vetrine stesse sui social network con l’hashtag #BASTA!

Il settore dei pubblici esercizi (bar, ristoranti, pub, pizzerie, catering e discoteche) è al collasso.

Siamo esausti e increduli. Chiusi, aperti con precauzioni, aperti a metà, poi a tratti, minacce di chiudere, promesse di aprire, chiusi a singhiozzo, infine, costretti all’offensivo gioco dell’oca delle festività 2020. In un imbarazzante cortocircuito politico tra centro e periferia, scaricato sulla pelle delle imprese di questa filiera.

22 DPCM, 36 Decreti Legge, 160 giorni di chiusura, un numero imprecisato di ordinanze regionali, una differenza impressionante fra quanto annunciato e quanto attuato.

Chiediamo rispetto. E il rispetto non si traduce in ristori inadeguati e non calcolati sul fatturato delle festività natalizie, periodo fondamentale per i bilanci delle imprese della ristorazione. E non vengono affrontati, né tantomeno risolti, i problemi delle locazioni, dell’indebitamento e del sostentamento di imprenditori che non hanno garanzie, se non il proprio lavoro.

Nonostante tutto, non ci arrendiamo.

La salute è sicuramente la priorità ma riaprire è necessario. Noi vogliamo e siamo in grado di lavorare in sicurezza, garantendo la salute dei nostri dipendenti e dei nostri clienti.

Chiediamo interventi urgenti e strutturali che diano alle nostre imprese un orizzonte chiaro e certo.

Non sappiamo più come dire alla politica che molti di noi rischiano di chiudere per sempre. Ci rivolgiamo quindi agli italiani: vi chiediamo di esserci vicini e di continuare a sceglierci, dove possibile, anche in queste difficili giornate.

La vostra gratificazione è la nostra forza ed il nostro futuro.

Soprattutto a voi va il nostro augurio di Buon Natale.



Condividi/stampa: