I valori della ristorazione: “Italia a tavola” fa le domande, i consumatori rispondono e vincono delle cene messe in palio dai ristoratori, i quali ricevono visibilità sulla rivista e sui social

Il noto newsmagazine «Italia a Tavola» (tiratura mensile di 65.000 copie in tutta Italia, nonché autorevole quotidiano online con oltre 1.500.000 contatti unici mensili e tre newsletter settimanali inviate ad oltre 130.000 utenti registrati) ha deciso di lanciare un’iniziativa – “benedetta” dalla Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE) – volta a promuovere il ritorno degli italiani alla frequentazione dei pubblici esercizi, attraverso l’esaltazione dei valori insiti nella ristorazione italiana.

L’iniziativa mira a coinvolgere la rete dei pubblici esercizi attraverso un sistema premiale, per i consumatori che aderiranno, volto a far incontrare la domanda di questi ultimi con l’offerta degli imprenditori.

In particolare i consumatori potranno partecipare attraverso smartphone o pc rispondendo alle domande da cui verrà generata una classifica in base alla combinazione tra numero di risposte corrette e tempo impiegato. Ogni settimana, per la durata totale di 6 mesi, ci saranno almeno 5 vincitori che si aggiudicheranno una cena per due persone in un ristorante aderente all’iniziativa.

I ristoranti saranno inseriti in uno specifico piano di comunicazione che vede tra i principali punti:

  • domande loro riguardanti;
  • articoli, pillole e interviste a cura di «Italia a Tavola»;
  • link ai ristoranti per generare visibilità, traffico e “conversione” dei contatti in clientela;
  • visibilità sui canali social (con post organici e sponsorizzati).

Al fine di avere un’ampia partecipazione, APPE e FIPE chiedono ai potenziali interessati di compilare il “form” presente al link https://forms.gle/FXL6SVwFAxYxp3BF6 per individuare i ristoranti disponibili a prendere parte all’iniziativa. I locali che aderiranno dovranno iscriversi entro il 30 giugno 2021 indicando il numero delle cene (fino ad un massimo di 5 cene, ciascuna per 2 persone) che sono disposti a mettere in palio, con le relative modalità di servizio (cene con bevande incluse oppure con bevande escluse).

Per ogni ulteriore informazione e per approfondimenti, è possibile contattare la FIPE (dott.ssa Claudia Berticlaudia.berti@fipe.it06.58392136).



Condividi/stampa:

Lascia un commento