Esonero versamento contributi previdenziali per aziende senza integrazione salariale

Last modified date

L’INPS, con il messaggio n. 1836 del 6 maggio 2021, ha fornito chiarimenti e indicazioni operative per le imprese che potrebbero beneficiare dell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali alternativo ai trattamenti di integrazione salariale, misura prevista dal “Decreto Ristori”.

I datori di lavoro, al fine di usufruire dell’esonero in argomento, dovranno inoltrare all’INPS un’istanza nella quale dovranno dichiarare di aver usufruito nel mese di giugno 2020 delle specifiche tutele di integrazione salariale (causale Covid-19) e di non aver fatto richiesta dei medesimi trattamenti per i mesi di novembre, dicembre 2020 e gennaio 2021.

Considerata la durata massima dell’esonero, pari a quattro settimane, resta fermo che lo stesso potrà essere fruito anche per l’intero importo sulla denuncia relativa ad una singola mensilità, ove ne sussista la capienza.

Per chiarimenti rivolgersi all’ufficio amministrazione del personale APPE (tel. 049.7817233) oppure al proprio consulente del lavoro.

 



Condividi/stampa: