Corrispettivi: servizi di ristoranti e alberghi

Last modified date

Con Risposta_n._486_del_2019, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sulla certificazione dei corrispettivi relativi a prestazioni di servizio rese da ristoranti e alberghi.

In particolare, l’amministrazione finanziaria precisa che:

  • se le prestazioni sono acquistate direttamente dal cliente, anche tramite agenzie che gestiscono la prenotazione, l’operazione va certificata:
    • fino al 31 dicembre 2019 tramite scontrino o ricevuta fiscale;
    • dal 1° gennaio 2020 (1° luglio 2019 per i soggetti con volume d’affari superiore ad euro 400.000) attraverso la trasmissione telematica dei corrispettivi e con l’emissione del documento commerciale (in ogni caso il cliente pu&og rave; richiedere la fattura);
  • se i servizi sono acquistati dalle agenzie di viaggio in nome proprio, per essere poi ceduti ai clienti fruitori, il corrispettivo deve essere documentato con fattura.

Inoltre, l’Agenzia chiarisce è possibile utilizzare il documento commerciale con la dicitura “corrispettivo non riscosso” nella seguenti situazioni:

  • quando i clienti abituali pagano il conto delle prestazioni ricevute con cadenze prestabilite o a fine mese;
  • per rendicontare alle agenzie di viaggio i servizi resi al fine del pagamento del corrispettivo.


Condividi/stampa: