Controllo del Green pass anche se consegnato all’azienda



Ultima modifica

In breve

In breve Con un nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM), il Governo torna sul controllo dei green pass dei lavoratori, specificando che, anche in caso il datore di lavoro abbia ricevuto copia del certificato, permane comunque l’obbligo...


In breve

Con un nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM), il Governo torna sul controllo dei green pass dei lavoratori, specificando che, anche in caso il datore di lavoro abbia ricevuto copia del certificato, permane comunque l’obbligo di verifica, eventualmente a campione. Potrebbe infatti accadere che, a seguito di avvenuto contagio, il green pass perda di validità, senza che l’azienda ne venga a conoscenza.

In dettaglio

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 17 dicembre un nuovo DPCM, che modifica la disciplina circa le attività di verifica del possesso del “green pass” da parte dei lavoratori.

Si ricorda che, per svolgere la propria attività lavorativa nel settore dei pubblici esercizi (sia come titolare, che come socio, dipendente, collaboratore, stagista, tirocinante e assimilati) è sufficiente il possesso di green pass “base” ottenibile a seguito di tampone.

Il nuovo decreto introduce la revoca della certificazione, qualora il soggetto interessato risulti positivo al Covid-19. La revoca viene in seguito annullata in automatico a seguito dell’emissione successiva di certificazione verde per avvenuta guarigione/negativizzazione.

La possibilità che un certificato verde non sia più valido (in quanto revocato) comporta la necessità della verifica del QR-code, da parte del datore di lavoro, ad evitare che un dipendente positivo possa entrare in azienda, in virtù del green pass a suo tempo consegnato, ma non più valido.

La verifica può essere svolta con le consuete modalità, valide anche per i lavoratori che non hanno consegnato copia del certificato:

  • sistematicamente, ogni volta che il lavoratore accede ai luoghi di lavoro;
  • a campione, comunque garantendo che, a rotazione, siano controllati tutti i lavoratori.

Per le imprese che sono in possesso del protocollo sulle verifiche, predisposto e distribuito gratuitamente dall’APPE, non occorre modificare nulla: tale documento prevede, infatti, già le due modalità di verifica.

Ulteriori informazioni

Per maggiori informazioni o per ottenere copia del protocollo è sufficiente contattare la Segreteria APPE: tel. 049.7817222 – email appe@appe.pd.it



Condividi/stampa: