A tavola con l’oca di San Martino: 25 ristoratori e 20 pasticcieri APPE partecipano alla 16^ edizione della rassegna enogastronomica

L’usanza di mangiare oca per avere fortuna è entrata a buon diritto fra le odierne consuetudini dei padovani. Che grazie all’annuale rassegna novembrina “A tavola con l’Oca di San Martino”, promossa dall’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi (APPE) e giunta alla sedicesima edizione, possono scegliere fra le cucine di 25 ristoranti, trattorie e pizzerie della provincia patavina per godersi le portate e i menù a tema che la tradizione associa al grasso e gustoso pennuto, rievocando un rito propiziatorio un tempo comune nelle nostre campagne per festeggiare la fine dell’anno agricolo.

Un appuntamento lungo l’intero mese di novembre per conoscere, apprezzare e riassaporare il gusto unico e inconfondibile delle carni dell’oca padovana, in una continua riscoperta e rivisitazione dei sapori antichi e delle ricette d’antan sapientemente rielaborate, che declinano il magnifico pennuto in altrettante squisitezze. A fare il paio, poi, ecco i tipici dolcetti di San Martino, per i quali si sono mobilitate, nell’ambito della medesima iniziativa enogastronomica, 20 pasticcerie di Padova e provincia.

Basta scorrere i menù dei locali che aderiscono alla rassegna per sentire l’acquolina in bocca e meravigliarsi della versatilità culinaria dell’oca. Dalle portate più classiche quali la sopa coada d’oca nel pignatto, il patè di rovinassi di fegato d’oca e la coscia d’oca in confit, a quelle dal tocco più moderno come la tagliata di petto e gli straccetti d’oca, i tortelloni ripieni, le tagliatelle e i bigoli al ragù d’oca, passando per la carbonara, il risotto, lo speck, la porchetta, la salsiccia e lo spiedo d’oca.

I ristoranti che animano la rassegna propongono tutti, alla carta, uno o più piatti in degustazione e alcuni di loro dedicano pure una serata di gala al tema dell’oca a tavola: menù gourmet esclusivi in cui le portate si accompagnano ai vini del territorio, offerti a prezzo promozionale tutto compreso.

Per tutto il mese di novembre è possibile gustare pietanze a base d’oca nei ristoranti: A Banda del Buso, Padova – Al Palazzon, Galliera Veneta – Al Pirio, Torreglia – Aldo Moro La Cuisine, Montagnana – Antica Trattoria Al Bosco, Saonara – Antica Trattoria Antenore, Torreglia – Antica Trattoria Ballotta dal 1605, Torreglia – Antica Trattoria Taparo, Torreglia – Boccadoro, Noventa Padovana – Da Giovanni, San Giorgio in Bosco – Eurochecco, Villanova di Camposampiero – Gourmetteria, Padova – Hostaria San Benedetto, Montagnana – Il Console, Saccolongo – In Corte dal Capo, Conselve – La Bulesca, Selvazzano Dentro – La Famiglia, Correzzola – La Montanella, Arquà Petrarca – La Montecchia, Selvazzano Dentro – La Posa degli Agri, Polverara – L’Hostaria di Via Roma, San Martino di Lupari – Locanda Aurilia, Loreggia – Miravalle, Montegrotto Terme – Nalin Tradizione e Cucina, Campodarsego – Radici Terra e Gusto, Padova.

Quanto alle dolcezze della tradizione del Santo guerriero, i Maestri Pasticceri si cimentano con l’Oca, il Cavallo e la Spada di San Martino, tipicità golose esposte in bella vista nelle vetrine dei loro negozi nelle giornate dell’8, 9 , 10 e 11 novembre.  I dolci di San Martino si possono trovare nelle seguenti pasticcerie: Al Duomo, Padova – Antica Pasticceria, Campodarsego – Ballico, Padova – Breda, Padova – Carlo, Padova – Cuccato, Montagnana – Da Angelo, Selvazzano Dentro – Embasy, Ponte San Nicolò – Estense, Padova – Europa, Padova – Favalli, Montagnana – Gardellin, Curtarolo – Guariento, Padova – La Creme, Padova – La Piazzetta, Padova – Lazzarin, Monselice – Le Sablon, Padova – Marisa, Arzergrande – San Marco, Padova – Santa Croce, Padova.

Chi desideri restare sempre aggiornato sulle iniziative e gli eventi in programma, conoscere i dettagli sui pasticceri e i ristoratori partecipanti all’iniziativa e scorrere i loro menù, condividendo piatti e ricette a base d’oca, nonché i coloratissimi dolcetti della tradizione, può farlo attraverso la social page di GustarePadovahttps://www.facebook.com/gustarepadova



Condividi/stampa: