Martedì, 29 Ottobre 2019 09:21

Diritti SIAE per musica d'ambiente: dal 2020 nuove regole per tutti

Vota questo articolo
(5 Voti)

L'aggiornamento dell'accordo sulla musica d'ambiente nei pubblici esercizi, che FIPE e SIAE hanno sottoscritto a fine 2016, consentiva agli esercenti, al tempo già in attività, di continuare a pagare secondo i criteri precedenti per il triennio successivo (quindi per gli anni 2017, 2018 e 2019).

A partire dal 2020, pertanto, tutte le attività (sia quelle nuove, che quelle aperte prima del 2016) dovranno pagare i diritti SIAE secondo i nuovi criteri che:

  • non tengono conto della "categoria" dell'esercizio;
  • non conteggiano i diffusori "staccati";
  • non considerano la misura in pollici del televisore.

I "nuovi" criteri di calcolo, molto più semplici, si basano esclusivamente su:

  • metri quadrati dell'esercizio
  • tipologia di apparecchio (radio, tv, multimedia) utilizzato per la diffusione di suoni e immagini.

L'APPE ha effettuato alcune simulazioni di conteggi: per molti esercizi i nuovi criteri risultano più convenienti rispetto a quelli precedenti, ma c'è comunque un certo numero di locali che, con i nuovi criteri, andranno a pagare più di prima.

Poiché l'eventuale disdetta a SIAE va comunicata entro il 15 dicembre dell'anno precedente, gli esercenti sono invitati a contattare l'Associazione, per valutare la propria posizione e conoscere fin d'ora il "nuovo" importo che dovranno pagare entro il 28 febbraio 2020.

Tra le opzioni a disposizione dell'esercente, c'è anche quella di "abbandonare" SIAE, per passare a un provider alternativo di musica di sottofondo, come ad esempio Rehegoo, con cui l'Associazione ha stretto un accordo che prevede scontistiche interessanti.

Per maggiori informazioni è sufficiente contattare la Segreteria dell'Associazione: tel. 049.7817222 – email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Letto 378 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
×
Newsletter APPE