Giovedì, 19 Settembre 2019 06:37

Contributi a fondo perduto per la messa in sicurezza dei locali

Vota questo articolo
(6 Voti)

A seguito delle ripetute e sistematiche "spaccate" a danno dei negozi e, soprattutto, pubblici esercizi che negli ultimi mesi hanno devastato il territorio di Padova, la Camera di Commercio ha stanziato un importo di 75.000 euro, al fine di incentivare la messa in sicurezza delle attività commerciali e dei pubblici esercizi.

Potranno beneficiare del contributo le imprese (tra cui i pubblici esercizi) con sede legale e attività in provincia di Padova.

Le spese ammissibili sono quelle relative all'incremento di sicurezza dei locali, quindi ad esempio l'installazione di telecamere, sistemi d'allarme, collegamenti con impianti di vigilanza, inferriate, casseforti, vetri e vetrine anti sfondamento, ecc.

Sono ritenute valide le spese effettuate a partire dal 1° gennaio 2019 e sostenute fino al momento di presentazione della domanda. Non sono ammissibili le spese ancora da sostenere al momento di presentazione della domanda di contributo.

Il contributo, che copre il 50% della somma spesa, sarà erogato a fronte della presentazione di apposita domanda, che può essere inviata a partire dal 18 settembre e fino al 15 novembre 2019, esclusivamente tramite lo sportello online "Web Telemaco".

Alla domanda vanno allegati:

  • fattura o fatture delle spese già sostenute;
  • copia del bonifico bancario (o altro mezzo tracciabile) per il pagamento delle spese;
  • i modelli previsti, firmati digitalmente;
  • copia del documento d'identità del titolare o legale rappresentante dell'impresa.

Per le imprese che non sono in possesso di firma digitale è possibile delegare un terzo alla sottoscrizione, tramite apposito modello di procura.
L'importo minimo di spesa è di 1.000 euro (contributo di 500 euro), mentre il contributo massimo erogabile è pari a 2.500 euro (su una spesa pari o superiore a 5.000 euro).

APPE è a disposizione degli associati per la predisposizione delle domande di contributo e, nel caso di installazione di telecamere, nelle pratiche amministrative con la Direzione Territoriale del Lavoro e ai fini privacy.

Poiché l'importo stanziato è relativamente basso (si ipotizza l'accoglimento di circa 35-40 pratiche) e l'unico criterio utilizzato è quello cronologico, si consiglia di attivarsi subito per l'invio della domanda, in modo da avere maggiori possibilità di accoglimento della stessa.

Per maggiori informazioni è possibile contattare la Segreteria dell'Associazione al tel. 049.7817222 – email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scarica il bando

Letto 303 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
×
Newsletter APPE