Giovedì, 16 Maggio 2019 09:45

Entro il 31 maggio vanno regolarizzati i "diritti connessi" SCF per la diffusione di musica d'ambiente

Vota questo articolo
(1 Vota)

Si tratta dei "diritti connessi", per la diffusione nei pubblici esercizi (e non solo) di musica d'ambiente, inerenti ai produttori fonografici ed agli artisti interpreti della musica.

Gli esercenti che hanno già provveduto al versamento, anche tramite l'APPE, dei diritti SCF (*) assieme a quelli della SIAE, sono ovviamente già in regola. Diverso è il discorso per quegli imprenditori che hanno pagato la SIAE tramite MAV e che ora sono tenuti a regolarizzare l'SCF entro il 31 maggio.

Per maggiori informazioni Segreteria APPE 049.7817222.

(*) SCF Srl è la società che, con oltre 400 produttori discografici aderenti, offre ai suoi clienti la possibilità di utilizzare e diffondere in pubblico le produzioni di etichette discografiche indipendenti e major internazionali, nel rispetto di quanto stabilito dalla legge sul diritto d'autore e dalle direttive dell'Unione Europea. Il repertorio tutelato da SCF conta oltre 20 milioni di brani che equivale alla quasi totalità del repertorio musicale nazionale e internazionale prodotto in Italia.

Letto 204 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
×
Newsletter APPE