Mercoledì, 16 Gennaio 2019 08:53

Contributi a fondo perduto per le attività ricettive

Vota questo articolo
(1 Vota)

È stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Veneto (BUR) n. 4 del 11/01/2019 la delibera di Giunta Regionale n. 2045 del 28/12/2018, che contiene il bando per l'erogazione di contributi alle micro, piccole e medie imprese del settore ricettivo ubicate nelle destinazioni turistiche, al fine di favorire l'innovazione e la differenziazione dell'offerta e dei prodotti turistici.

Sono agevolabili le strutture ricettive "alberghiere", le strutture ricettive "all'aperto", le strutture ricettive "complementari" e le strutture ricettive "in ambienti naturali", purché siano ubicate in uno dei comuni ricompresi nelle Organizzazioni di Gestione della Destinazione (in provincia di Padova sono Padova, Montegrotto Terme, Abano Terme, Arquà Petrarca, Baone, Battaglia Terme, Cervarese Santa Croce, Cinto Euganeo, Due Carrare, Galzignano Terme, Este, Lozzo Atestino, Monselice, Rovolon, Teolo, Torreglia, Vò).

In caso di impresa che svolte più attività (esempio trattoria con albergo) è possibile beneficiare dell'aiuto per gli interventi riconducibili all'attività ricettiva.

L'agevolazione consiste nell'erogazione di un contributo a fondo perduto che può arrivare:

  • per le imprese che scelgono il regime "de minimis", fino al 30% della spesa ammissibile, con un limite minimo di investimenti pari a 100.000 euro e un limite massimo di 666.666 euro (contributo da 30.000 euro a 200.000 euro);
  • per le imprese che scelgono il regime degli "aiuti compatibili con il mercato interno", fino al 20% della spesa ammissibile, con un limite minimo di investimenti pari a 250.000 euro e un limite massimo di 2.500.000 euro (contributo da 50.000 euro a 500.000 euro).

Le spese ammissibili riguardano: opere edili/murarie e di impiantistica, strumenti tecnologici (hardware/software), attrezzature, macchinari e arredi, brevetti, diritti di licenza, progettazione, collaudo e direzione lavori, costi per l'ottenimento di certificazioni.

Le spese devono essere sostenute (pagate) successivamente alla data di presentazione della domanda (con parziale deroga per le imprese che scelgono il regime "de minimis") e concluse entro 24 mesi dalla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione del provvedimento di concessione del contributo.

Il bando regionale ha una dotazione finanziaria di 6 milioni di euro e la domanda va presentata esclusivamente online attraverso il Sistema Informativo Unitario (SIU) della Regione Veneto, a partire dal 22 gennaio 2019 ed entro il 7 maggio 2019. Le domande saranno classificate, fino ad esaurimento dei fondi, con punteggi assegnati sulla base di criteri già stabiliti.

L'APPE è a disposizione degli associati per fornire le informazioni di dettaglio: per maggiori informazioni è sufficiente contattare la Segreteria dell'Associazione al tel. 0497817222 – email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Letto 780 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
×
Newsletter APPE