Giovedì, 28 Giugno 2018 08:48

FIPE: la ristorazione dice no alla riforma sui contratti a termine

Vota questo articolo
(1 Vota)

L'ipotesi di riduzione del ricorso ai contratti a termine inserita nel cosiddetto "decreto dignità" vede la netta contrarietà delle aziende della ristorazione. I contratti a termine costituiscono uno strumento vitale e necessario per tutto il comparto del "fuoricasa", caratterizzato da stagionalità e picchi di lavoro difficili da prevedere.

Le misure ipotizzate dal decreto, come la reintroduzione della causale e maggiori costi a carico delle imprese, segnano un pericoloso ritorno al passato e rischiano di cancellare la flessibilità regolare a vantaggio delle formule contrattuali davvero penalizzanti come le partite IVA. È questa la posizione espressa dalla Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE).

Letto 152 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
×
Newsletter APPE