Venerdì, 01 Settembre 2017 12:01

Eliminato l'obbligo della "licenza UTIF"

Vota questo articolo
(2 Voti)

E' stata pubblicata sulla Gazzetta del 14 agosto la Legge n. 124/2017 ("Legge annuale per il mercato e la concorrenza") che, tra le altre novità, prevede la modifica dell’art. 29 del D. Lgs. n. 504/1995 (Testo Unico sulle accise).

In pratica, i pubblici esercizi non dovranno più presentare all'Agenzia delle Dogane la richiesta di "licenza fiscale" relativa alla vendita e/o somministrazione di alcolici.

Già dal 1999 non vi era più l’obbligo di pagare il diritto annuale riferito alla suddetta licenza ("UTIF"), ma era in ogni caso necessario possederla all’avvio dell’attività e conservarla, avendo la stessa validità permanente, in caso di controlli.

 

Il nuovo testo dell'art. 29 ora recita così (in rosso la parte introdotta con la nuova legge):

Art. 29. (Deposito di prodotti alcolici assoggettati ad accisa). 

1. Gli esercenti impianti di trasformazione, di condizionamento e di deposito di alcole e di bevande alcoliche assoggettati ad accisa devono denunciarne l'esercizio all'Ufficio dell'Agenzia delle dogane, competente per territorio. 
 
2. Sono soggetti alla denuncia di cui al comma 1 anche gli esercizi di vendita, ad esclusione degli esercizi pubblici, degli esercizi di intrattenimento pubblico, degli esercizi ricettivi e dei rifugi alpini, ed i depositi di alcole denaturato con denaturante generale in quantita' superiore a 300 litri.
 
 
Per maggiori informazioni è possibile contattare la Segreteria APPE al tel. 0497817222 - email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Letto 4320 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
×
Newsletter APPE