Giovedì, 24 Novembre 2016 16:56

Diritti SIAE 2017: il nuovo accordo siglato dalla FIPE permette dei risparmi

Vota questo articolo
(1 Vota)

 

Dopo 53 anni cambiano i criteri per la determinazione dei compensi. Prevista “una clausola di salvaguardia”

La Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE) ha recentemente siglato un nuovo accordo con SIAE per la determinazione del diritto d’autore in caso di diffusione di musica di sottofondo (è il classico pagamento SIAE da effettuare entro il 28 febbraio di ogni anno).

Il nuovo accordo, che sostituisce quello precedente, firmato nel 1963, supera il criterio del pagamento in base alle “categorie” dell’esercizio (che non esistono più ormai da anni), per commisurarlo alla superficie di somministrazione ed alla tipologia di apparecchio di diffusione sonora.

Con la nuova convenzione, inoltre, viene eliminata la maggiorazione per i televisori con schermi superiori a 40 pollici e vengono introdotte delle tariffe “flat”.

Per la grande maggioranza di esercizi, il nuovo accordo permette un risparmio economico rispetto alla precedente modalità di calcolo. In ogni caso, qualora le nuove tariffe fossero peggiorative rispetto alle precedenti, è prevista una “clausola di salvaguardia” triennale: fino al 2019 compreso sarà possibile versare (a parità di apparecchi) gli stessi importi versati fino al 2016.

Maggiori informazioni saranno fornite con successive note informative e con specifiche riunioni che saranno prossimamente organizzate.

Letto 1330 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
×
Newsletter APPE