Lunedì, 21 Ottobre 2019 08:40

DURC: necessario per ottenere i benefici sulle assunzioni

Vota questo articolo
(1 Vota)

Ai sensi dell'articolo 1, comma 1175, legge n. 296/2006, a decorrere dal 1° luglio 2007, i benefici normativi e contributivi previsti dalla normativa in materia di lavoro e legislazione sociale sono subordinati al possesso, da parte dei datori di lavoro, del documento unico di regolarità contributiva (DURC), fermi restando gli altri obblighi di legge ed il rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Pertanto a seguito della richiesta del documento unico di regolarità contributiva, qualora non sia possibile attestare la regolarità contributiva in tempo reale, gli Istituti trasmettono tramite PEC, all'interessato alla verifica, l'invito a regolarizzare la propria posizione entro un termine non superiore a 15 giorni dalla notifica dell'invito. Se vi è regolarizzazione entro il termine, si genera il Durc; in caso di decorso vano del termine, invece, la risultanza negativa della verifica è comunicata ai soggetti che hanno effettuato l'interrogazione con indicazione degli importi a debito e delle cause di irregolarità.

Per maggiori informazioni, gli associati possono contattare l'ufficio amministrazione del personale dell'APPE al tel. 049.7817233 - email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Letto 381 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti