Lunedì, 13 Maggio 2019 07:21

Decreto "crescita" 2019 - le principali novità

Vota questo articolo
(1 Vota)

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge n. 34/2019, cosiddetto "Crescita", recante "Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi".

Si tratta di un atto straordinario di necessità e urgenza adottato dal Governo, entrato in vigore mercoledì 1° maggio 2019, che dovrà esser convertito in legge entro 60 giorni dall'entrata in vigore.

Si riportano di seguito le principali novità che vengono introdotte.

Articolo 1 - Maggiorazione dell'ammortamento per i beni strumentali nuovi
La disposizione reintroduce, a partire dal 1° aprile 2019, la misura del cosiddetto «super ammortamento» (130%) per gli investimenti complessivi effettuati dal 1° aprile 2019 con consegna fino al 30 giugno 2020, con l'inserimento di un tetto agli investimenti complessivi effettuati dall'impresa al di sopra del quale il beneficio non spetta per la parte eccedente (2,5 milioni di euro).

Articolo 2 - Revisione mini-IRES
La norma sostituisce la cosiddetta mini-IRES introdotta dalla Legge di Bilancio 2019, con un nuovo incentivo volto a individuare una modalità di tassazione agevolata ai fini IRES. La nuova aliquota ridotta dell'IRES, applicabile al reddito di impresa dichiarato, è correlata al solo reimpiego degli utili. Si prevede a regime l'applicazione di un'aliquota ridotta pari al 20,5% sugli utili reinvestiti, a prescindere dalla destinazione specifica degli stessi all'interno dell'organizzazione.

Articolo 3 - Maggiorazione deducibilità IMU dalle imposte sui redditi
La disposizione incrementa, a regime, la percentuale di deducibilità dell'IMU dal reddito d'impresa e di lavoro autonomo nella misura del 70% a decorrere dal periodo d'imposta 2022.
In via transitoria, si dispone, comunque, un graduale incremento della deducibilità dell'IMU per gli anni dal 2019 al 2022 nelle seguenti misure:

  1. 50% per il periodo d'imposta 2019;
  2. 60 per i periodi d'imposta 2020 e 2021.

Articolo 10 – Modifiche alla disciplina degli incentivi per gli interventi di efficienza energetica e rischio sismico
Il provvedimento, integrando i meccanismi esistenti, introduce la possibilità per il soggetto che sostiene le spese per gli interventi di efficienza energetica e rischio sismico degli edifici previsti dal decreto "Ecobobonus", di ricevere un contributo, anticipato dal fornitore che ha effettuato l'intervento, sotto forma di sconto sul corrispettivo spettante. Tale contributo è recuperato dal fornitore esclusivamente sotto forma di credito d'imposta, di pari ammontare, da utilizzare in compensazione, in cinque quote annuali di pari importo, senza l'applicazione dei limiti di compensabilità.

Articolo 20 – Modifiche alla misura "Nuova Sabatini"
La norma è finalizzata a ottimizzare le modalità operative di funzionamento della misura agevolativa cosiddetta "Nuova Sabatini", che persegue l'obiettivo di rafforzare il sistema produttivo e competitivo delle PMI attraverso il sostegno per l'acquisto, o acquisizione in leasing, di beni materiali (macchinari, impianti, beni strumentali d'impresa, attrezzature nuove di fabbrica e hardware) o immateriali (software e tecnologie digitali) a uso produttivo.

Articolo 49 – Credito d'imposta per la partecipazione di PMI a fiere internazionali
La norma proposta è finalizzata a migliorare il livello e la qualità di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese (PMI) italiane, prevedendo per il periodo d'imposta in corso, che alle imprese esistenti alla data del 1° gennaio 2019 sia riconosciuto un credito d'imposta pari al 30 per cento delle spese sostenute fino ad un massimo di 60.000 euro. Il credito d'imposta è riconosciuto per le spese di partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali di settore che si svolgono all'estero, relativamente alle spese per l'affitto degli spazi espositivi; per l'allestimento dei medesimi spazi; per le attività pubblicitarie, di promozione e di comunicazione, connesse alla partecipazione.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il testo del decreto-legge.

Letto 425 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti