Venerdì, 27 Aprile 2018 13:07

Il Consorzio Fonografici SCF batte cassa entro il 31 maggio 2018 (anche per gli arretrati 2013-2017)

Vota questo articolo
(1 Vota)

Si tratta dei "diritti connessi", per la diffusione nei pubblici esercizi (e non solo) di musica d'ambiente, inerenti ai produttori fonografici ed agli artisti interpreti della musica. Gli esercenti che hanno già provveduto al versamento, anche tramite l'APPE, dei diritti SCF assieme a quelli della SIAE, sono ovviamente già in regola.

Diverso è il discorso per quegli imprenditori che hanno pagato la SIAE tramite MAV e che ora sono tenuti a regolarizzare l'SCF entro il 31 maggio. Tra l'altro SCF provvederà a richiedere il pagamento dei compensi per i diritti connessi degli anni dal 2013 al 2017 alle imprese che non si trovano in regola con tale adempimento alle quali, tuttavia, sarà comunque riconosciuto lo sconto associativo APPE-FIPE del 30% e non verrà applicata alcuna penale se verseranno gli arretrati entro il prossimo 31 maggio.

Per maggiori informazioni Segreteria APPE 049.7817222.

Letto 291 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti