Lunedì, 16 Aprile 2018 13:30

FIPE e Comieco insieme per il miglior "Doggy Bag all'italiana"

Vota questo articolo
(1 Vota)

FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), nell'ambito delle numerose iniziative promosse per il contrasto agli sprechi alimentari, promuove - in collaborazione con Comieco (Consorzio per il riciclo degli imballaggi) - un "concorso di idee", riservato alle imprese associate, per identificare il miglior progetto per la diffusione e l'utilizzo della cosiddetta "Doggy Bag".

I partecipanti sono chiamati a presentare, secondo le modalità specificate nel Regolamento, un progetto che includa un nuovo nominativo in lingua italiana per il contenitore per asporto del cibo conosciuto come "Doggy Bag", unitamente ad un progetto grafico e all'indicazione delle modalità comunicative ritenute maggiormente efficaci per una sua capillare diffusione sul territorio nazionale.

Il presente concorso di idee decorre dal 16 aprile 2018 e terminerà alle ore 24 del 31 maggio 2018.

Per partecipare al concorso le imprese del sistema FIPE dovranno presentare il proprio progetto, entro il termine sopra indicato, al seguente link indicato nel regolamento: https://it.surveymonkey.com/r/FDSDMHW

Successivamente al termine del 31 maggio 2018 non saranno accettate ulteriori proposte, neppure se sostitutive o aggiuntive ai progetti già presentati.

Le proposte correttamente pervenute saranno valutate da una Commissione appositamente istituita, che riconoscerà ai tre migliori progetti ricevuti i seguenti premi:

  • al I° classificato verrà corrisposto un premio di 2.000 euro
  • al II° classificato verrà corrisposto un premio di 1.000 euro
  • al III° classificato verrà corrisposto un premio di 500 euro

Con questa iniziativa la Federazione nazionale intende continuare la propria opera di sensibilizzazione dei propri associati nel processo di diffusione della lotta agli sprechi alimentari, introdotta con la c.d. "Legge Gadda", contribuendo così anche ad una maggiore sensibilizzazione dei consumatori nella prevenzione e nel recupero delle eccedenze alimentari.

Letto 372 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti