Venerdì, 16 Marzo 2018 11:30

Lavoro "a chiamata": se non c'è il DVR diventa automaticamente a tempo indeterminato

Vota questo articolo
(3 Voti)

Ai sensi dell’art. 14, comma 1, lett c), D.Lgs. n. 81/2015, è vietato il ricorso al lavoro intermittente ai datori di lavoro che non hanno effettuato la valutazione dei rischi in applicazione della normativa di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori.

L'Ispettorato Nazionale del Lavoro, con lettera circolare n. 49 del 15 marzo 2018, ha confermato le disposizioni a suo tempo fornite con circolari nn. 18 e 20 del 2012, in base alle quali la stipula di un contratto di lavoro intermittente in violazione della suddetta norma comporta la conversione del rapporto di lavoro intermittente in un ordinario rapporto di lavoro subordinato.

Tale conclusione si fonda su di un consolidato orientamento della Corte di Cassazione che, anche se formatosi in relazione al contratto a termine, ha espresso il principio generale secondo il quale la contrarietà a norma imperativa di un contratto di lavoro "atipico" ne comporta la nullità parziale ai sensi dell'art. 1419 c.c., con conseguente conversione dello stesso nella "forma comune" di contratto di lavoro subordinato.

Tuttavia, la conversione dei rapporti intermittenti in rapporti di lavoro ordinario non può in ogni caso confliggere con il principio di effettività delle prestazioni secondo cui i trattamenti, retributivo e contributivo, dovranno essere corrisposti in base al lavoro - in termini quantitativi e qualitativi - realmente effettuato sino al momento della conversione.

In conclusione l'Ispettorato Nazionale del Lavoro, nel confermare le sue indicazioni, ammette che la trasformazione del rapporto di lavoro intermittente in un rapporto subordinato a tempo indeterminato potrà essere a tempo parziale proprio in ragione del principio di effettività delle prestazioni.

Si ricorda che APPE svolge il servizio di assistenza nella redazione del Documento di Valutazione dei Rischi (D.V.R.), che comunque è uno degli adempimenti obbligatori in tema di sicurezza nei luoghi di lavoro (si aggiunge, ad esempio, la formazione dei lavoratori, la nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, la nomina dell'addetto o degli addetti al primo soccorso, ecc.). Adempimenti in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Per maggiori informazioni è possibile contattare la Segreteria APPE al tel. 0497817222 - email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 990 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti