Mercoledì, 17 Gennaio 2018 16:29

Stop alle retribuzioni in contanti

Vota questo articolo
(1 Vota)

La legge n. 205/2017 (la cosiddetta "legge di stabilità"), tra le varie novità introduce anche l'obbligo, a partire dal 1° luglio 2018, per i datori di lavoro e committenti privati di provvedere al pagamento delle retribuzioni con modalità e forme che escludano l'uso del denaro contante.

Sono pertanto ammesse le seguenti modalità:

  • bonifico su conto bancario o postale indicato dal lavoratore (può anche non essere intestato al lavoratore stesso);
  • strumenti di pagamento elettronico;
  • emissione di assegno (bancario o circolare) consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato;
  • pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento.

Le prestazioni da retribuire con le suddette modalità sono quelle derivanti da:

  • rapporti di lavoro subordinato (tutti i dipendenti, compresi quelli "a chiamata");
  • rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
  • contratti di lavoro tra cooperative e i propri soci.

Sono esclusi dall'obbligo di pagamento "tracciabile" le prestazioni di lavoro autonomo occasionale (come ad esempio dj privi di partita Iva e che quindi non emettono fattura), che pertanto possono essere ancora retribuite in contanti. Sono inoltre escluse dall'obbligo (e, quindi, si possono ancora effettuare in contanti) le retribuzioni degli addetti ai servizi familiari e domestici (colf e badanti).

La sanzione per il mancato rispetto della nuova disposizione va da mille a cinquemila euro; al fine di promuovere la diffusione delle suddette procedure, è prevista la non sanzionabilità delle violazioni commesse entro 180 giorni dall'entrata in vigore delle regole, quindi le multe scatteranno dal 1° gennaio 2019.

Resta infine invariata la soglia di 3.000 euro, oltre la quale vige la regola generale dell'obbligo di pagamento con mezzi tracciabili, indipendentemente dalla finalità del pagamento.

Per maggiori informazioni è possibile contattare l'ufficio contabilità dell'APPE al tel. 0497817244 – email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 664 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti