Mercoledì, 15 Novembre 2017 07:21

Sbarca a Padova il gelato all'azoto liquido

Vota questo articolo
(1 Vota)

Sarà il maestro gelaterie Corrado Sanelli, l'inventore del gelato prodotto con l'utilizzo di azoto liquido, il protagonista del corso di formazione che l'Associazione Provinciale Pubblici Esercizi (APPE) di Padova sta organizzando per gli "imprenditori del sottozero".

Sanelli, nato e vissuto nel mondo del gelato, dal 1985 entra a tempo pieno dietro il banco da lavoro della gelateria di famiglia, tracciando fin da subito la sua strada fatta di qualità, ricerca e innovazione.

Grazie alla collaborazione con il prof. Davide Cassi, docente di fisica della materia all'Università di Parma e padre della cucina molecolare, Sanelli inizia ad applicare un'innovativa tecnica per preparare il gelato usando l'azoto liquido come refrigerante. La procedura viene presentata al mondo nel 2006 a Milano, durante la giornata del gelato a "Dossier Dessert", tra lo stupore del pubblico: questa data segna ufficialmente la nascita del gelato prodotto con il metodo dell'azoto liquido.

Il corso, che si sviluppa in cinque mattinate consecutive (dalle 9 alle 13, da lunedì 27 novembre a venerdì 1 dicembre), viene tenuto anche dal Maestro gelatiere "di casa" Guido Zandonà, plurivincitore di premi a livello nazionale, gestore, assieme al socio Lorenzo Zambonin, della gelateria Ciokkolatte di piazza dei Signori, miglior gelateria d'Italia nel 2015.

«Fare il gelato artigianale di tradizione italiana – afferma Filippo Segato, Segretario provinciale APPE – è un'arte affascinante che rischia di scomparire. Il gelatiere è una professione complessa, che racchiude in sé competenze tecniche, artigianalità, cultura del territorio, conoscenza e rispetto per la materia prima: elementi senza i quali il gelato artigianale cesserebbe di essere tale».

Per maggiori informazioni sulle lezioni è possibile contattare l'APPE allo 049.7817222 o scaricare la scheda informativa.

Per l'iscrizione al corso è sufficiente compilare l'apposito form online

Letto 455 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti