Venerdì, 05 Agosto 2016 09:10

Plateatici del Comune di Padova: i conteggi di AcegasApsAmga sull’asporto rifiuti vanno verificati

Vota questo articolo
(1 Vota)

Stanno pervenendo in queste settimane ai pubblici esercizi del Comune di Padova delle lettere inviate da AcegasApsAmga, il cui contenuto riguarda la possibile successiva emissione di fatture (per i periodi compresi tra il 2011 ed il 2015) relative al canone di asporto rifiuti (la cosiddetta “TARI”) a valere sulle aree pubbliche o private ad uso pubblico, date in concessione ai pubblici esercizi per collocare, esternamente al locale, tavoli e sedie (i cosiddetti “plateatici”).

Diversi esercenti si sono rivolti all’APPE perché ritengono di aver già pagato al Comune il canone per la concessione degli spazi pubblici e, quindi, di non dover pagare altri importi.

La normativa prevede che, oltre al canone di occupazione, occorre pagare anche la tariffa per l’asporto dei rifiuti, che viene calcolata in base ai metri quadrati di occupazione, alla tipologia di attività (bar o ristorante; quest’ultimo paga circa il 40% in più) e ai giorni di effettiva occupazione.

Il costo è di circa 8,5 centesimi al metro quadro per ogni giorno di occupazione da parte dei bar, mentre è di circa 12 centesimi al metro quadro per giorno di occupazione da parte dei ristoranti.

Per esempio, un bar che ha un plateatico di 10mt x 3 mt (totale 30 mq) per il periodo da maggio a settembre (cinque mesi, dai quali si possono detrarre gli eventuali giorni di chiusura) pagherebbe: 8,5 centesimi x 30 mq. = circa 2,50 euro al giorno x 150 giorni = 375 euro.

L’APPE invita gli esercenti, nel caso arrivassero le fatture da pagare, a recarsi presso gli uffici dell’Associazione per controllare se quanto richiesto sia effettivamente da pagare: potrebbe infatti verificarsi il caso che, nell’anno di riferimento, il pagamento sia già stato effettuato.

<<In queste settimane – puntualizza il Segretario APPE Filippo Segato – stiamo verificando per conto dei nostri associati l’effettiva congruenza tra i dati in possesso di Acegas e quelli reali, riscontrando spesso notevoli differenze: abbiamo già fatto risparmiare a numerosi esercenti fino a migliaia di euro. L’invito pertanto è quello di mettersi in contatto con APPE (0497817222 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.)>>.

Letto 1388 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti