Venerdì, 01 Luglio 2016 08:56

Il 12 luglio 2016 Arquà Petrarca ospita la cena di gala per 400 persone dei Ristorantori Padovani

Vota questo articolo
(1 Vota)

Una serata di promozione dell’enogastronomia locale con i prodotti tipici e le tradizioni padovane, accompagnata da spettacoli onirici

Sarà un evento da ricordare. La cornice magica dell’antico borgo di Arquà Petrarca, suggestiva testimonianza storica e artistica incastonata nel verde scenario dei Colli Euganei, sarà infatti la quinta teatrale che ospiterà  la Notte Magica dei Ristorantori Padovani, nel corso della quale si terrà la Cena di Gala organizzata dai membri della storica associazione, che riunisce i rappresentanti di punta della ristorazione locale di Confcommercio Ascom Padova, in collaborazione anche con APPE, l’Associazione Provinciale dei Pubblici Esercizi. Una serie di eventi contribuiranno a rendere ancora più magica ed unica la serata, per la quale è obbligatorio l’elegante dress code bianco e nero, grazie alla partecipazione del “Pianista Fuori Posto”, “The Big Woman” e allo Spettacolo di Danza Acrobatica.

La scelta della location di Arquà (dopo quella del Prato della Valle che nel 2007 ha ospitato l’indimenticabile ed applaudito evento della “Cena sotto le stelle”) è stata determinata proprio dalla mission del Gruppo dei Ristorantori che, dal lontano 1980, anno della loro fondazione, è unicamente quella di creare e difendere l’identità della cucina e nello stesso tempo dare importanza e rilievo ad una tradizione gastronomica che tutto il mondo ci invidia, portandola all’aperto e in una storica piazza con una veste elegante che viene ulteriormente impreziosita dalla cornice esclusiva.

E proprio Arquà Petrarca assurge così a luogo simbolo dell’unicità del fascino e della bellezza dei Borghi storici italiani, oltre che della produzione enogastronomica tipica e locale, in un mix sapiente che coniuga alla perfezione lo spirito di ricerca nella tradizione sposato dai Ristorantori Padovani che sono da sempre impegnati ad esaltare l’Italian Style in chiave padovana del gusto.

Non a caso vengono privilegiati i prodotti del territorio, sapientemente ritrovati e riproposti come monumenti della cultura alimentare locale, in una ricerca di riletture inedite nella preparazione che non tradiscano lo spirito del prodotto e la storia del piatto.

Ecco così che i piselli di Baone e di Arquà, il riso delle riserie locali, le carni della corte padovana - galline padovane, anatre, maiale, bovini - sapientemente riscoperte, esaltate dal contorno dei vini locali, del pane, dell’olio, vengono a rappresentare la matrice locale gastronomica, affiancati dall’utilizzo sapiente del pesce, di mare e di acqua dolce, come testimonianza dell’influenza lagunare, della matrice veneziana che si è intrecciata alla tradizione dell’entroterra con tutto il suo peso economico e culturale e il suo profumo orientale.

Nel finale dolce la pazientina, tipica realizzazione della zona patavina, viene rielaborata con variazioni intriganti.

Verranno proposti vini di alta gamma unicamente delle cantine del territorio.

Il tutto a testimoniare un impegno costante e puntuale, una inesauribile passione e amore per la tradizione culinaria del territorio e la ricerca intelligente e corale di nuove interpretazioni e letture del cibo delle nostre terre.

All’evento collaborano il Ristorante al Bosco di Montegrotto Terme, I Bastioni del Moro di Padova, l’Antica Trattoria al Bosco di Saonara, il Ristorante Bion di Camin, il Boccadoro di Noventa Padovana, l’Antica Trattoria dei Paccagnella di Padova, La Montanella di Arquà, La Saccisica di Piove di Sacco, il Montegrande di Rovolon, il Ristorante Hostaria San Benedetto di Montagnana e il Ristorante Trattoria Dal Contadino di Vo’.

Per maggiori informazioni consultare il seguente link www.eolocongressi.it/upload/brochure_12LUGLIO_WEB.pdf

Letto 1895 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti