Martedì, 17 Novembre 2015 10:11

Contributi dalla Camera di commercio per favorire l'occupazione

Vota questo articolo
(1 Vota)

La Camera di Commercio di Padova, nell'ambito delle attività promozionali volte a favorire l'occupazione di fasce della popolazione cosiddette "deboli", intende erogare un contributo forfettario a fondo perduto per supportare l'inserimento di lavoratori appartenenti a tali fasce.

Tipologia intervento e contributo:

Linea di intervento Descrizione dell'intervento Contributo forfettario a fondo perduto
A Donne disoccupate, che hanno compiuto il 30° anno di età, assunte a tempo indeterminato esclusivamente in modalità part time € 5.000
B Soggetti disoccupati prossimi alla pensione cui manchino non più di 5 anni di contribuzione per la maturazione del diritto al trattamento pensionistico secondo la normativa vigente assunti a tempo indeterminato (sia full time che part time) € 5.000 per contratti a tempo pieno e per contratti part time fino al 70% € 3.500 per contratti part time tra il 69% ed il 50%
C Soggetti svantaggiati appartenenti alle fasce soggetti deboli-disoccupati di lunga durata così definiti dalla normativa in materia (art. 2 del Dlgs 276/2003) assunti a tempo indeterminato (sia full time che part time) € 5.000 per contratti a tempo pieno e per contratti part time fino al 70% € 3.500 per contratti part time tra il 69% ed il 50%

Risorse finanziarie

Le risorse complessivamente stanziate ammontano ad € 150.000.

Interventi ammissibili

Le assunzioni oggetto dell'incentivo camerale:
a) devono essere effettuate nel periodo ricompreso tra l'1.10.2015 ed il 30.12.2015 
b) devono interessare soggetti che prestino la loro opera presso una sede operativa dell'impresa ubicata in provincia di Padova.

Soggetti beneficiari 

Possono accedere al contributo le imprese che al momento della domanda e fino alla data di erogazione del contributo sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere sede legale e/o unità locali iscritte al Registro Imprese di Padova
  • essere attive ed in regola con i pagamenti del diritto camerale
  • essere in possesso di una casella di posta elettronica certificata (PEC) aziendale che sarà utilizzata sia dalla Camera di Commercio che dall'impresa richiedente per la domanda e per tutte le comunicazioni inerenti il procedimento amministrativo del presente avviso
  • non avere disposto licenziamenti che abbiano interessato lavoratori adibiti alle stesse mansioni nel semestre immediatamente precedente la data di adozione delle linee di indirizzo del bando (ovvero 1 aprile - 30 settembre 2015)
  • non essere sottoposte a procedura concorsuale e non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente
  • non aver ricevuto altri contributi pubblici/incentivi relativamente alle assunzioni (delle persone) oggetto del contributo
  • avere assolto gli obblighi contributivi ed essere in regola con le normative sulle salute e sicurezza sul lavoro di cui al Decreto Legislativo 81/2008 e successive modificazioni e integrazioni
  • rispettare le condizioni previste da DL 95/2012 art 4 comma 6, convertito in L 135/12, secondo il quale “Gli enti di diritto privato di cui agli articoli da 13 a 42 del codice civile, che forniscono servizi a favore dell'amministrazione stessa, anche a titolo gratuito, non possono ricevere contributi a carico delle finanze pubbliche"
  • non trovarsi nella situazione di aver ricevuto e successivamente non rimborsato o depositato in un conto bloccato aiuti sui quali pende un ordine di recupero, a seguito di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara l'aiuto illegale e incompatibile con il mercato comune
  • non essere destinatarie delle sanzioni interdittive individuate dall'art. 9 del D.Lgs. 231/2001 aventi per oggetto l'esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi e l'eventuale revoca di quelli gia' concessi

Interventi non ammissibili

Le assunzioni oggetto dell'incentivo camerale non devono riguardare:

  • coniuge, fratello/sorella, altri parenti o affini in linea diretta discendente o ascendente fino al secondo grado del titolare, dei soci o degli amministratori dell’impresa, come risultante dalla tabella pubblicata nel bando
  • lavoratori che nei dodici mesi precedenti l’assunzione abbiano avuto rapporti di lavoro a tempo indeterminato con la stessa azienda, oppure con la stessa impresa e/o datore di lavoro richiedenti l’incentivo, ovvero con società da loro controllate o a loro collegate ai sensi dell’art. 2359 c.c., nonché facenti capo, ancorché per interposta persona, alla stessa azienda e/o al datore di lavoro/impresa medesimi

Presentazione delle domande

1. Le domande di richiesta del contributo, devono essere presentate dalle ore 10.00 del 20.10.2015 alle ore 12.00 del 31.12.2015 esclusivamente per via telematica tramite lo "Sportello Pratiche > Servizi e-gov > Contributi alle imprese on line" accessibile dal portale www.registroimprese.it secondo le modalità riportate nel bando.

2. Le domande trasmesse prima e dopo tali termini sono escluse. 

Valutazione delle domande

La valutazione e accoglimento delle domande di contributo avviene secondo l’ordine cronologico di presentazione determinato dalla data e ora di invio assegnati dalla procedura telematica fino ad esaurimento dello stanziamento disponibile, privilegiando le imprese che negli anni scorsi non hanno usufruito di analogo contributo camerale.

Maggiori informazioni

Per ulteriori dettagli e per scaricare il bando e la relativa modulistica è sufficiente collegarsi alla pagina della Camera di commercio dedicata al contributo.

 

 

Letto 1225 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti