Mercoledì, 16 Settembre 2015 14:24

Lavoro accessorio, ecco gli aggiornamenti

Vota questo articolo
(2 Voti)

Una recente circolare dell’INPS fornisce le prime indicazioni in ordine alla disciplina normata dal Decreto Legislativo 15 giugno 2015 n. 81:

Limite compenso: è elevato a 7.000 euro (lordo 9.333 euro) nel corso dell’anno civile (1 gennaio - 31 dicembre). Rimane fissato il limite di 2.020 euro (lordo 2.693 euro) per le prestazioni rese nei confronti del singolo imprenditore o professionista.

Modalità acquisto: in base alle nuove disposizioni, i committenti imprenditori o liberi professionisti hanno l’obbligo di acquistare esclusivamente con modalità telematiche (procedura telematica INPS: cosiddetto voucher telematico; tabaccai che aderiscono alla convenzione INPS – FIT e tramite servizio internet Banking Intesa Sanpaolo; Banche Popolari abilitate) uno o più carnet di buoni orari.

Misura voucher: in attesa dell’emanazione dello specifico decreto di cui all’articolo 49 del decreto legislativo 81/2015, il valore nominale del buono orario è fissato in 10 euro.

Comunicazione telematica prestazione: le nuove disposizioni prevedono l’obbligo, da parte del committente e prima dell’inizio della prestazione, di comunicare alla Direzione Territoriale del Lavoro, attraverso modalità telematiche, ivi compresi sms o posta elettronica: i dati anagrafici ed il codice fiscale del lavoratore; il luogo della prestazione con riferimento ad un arco temporale non superiore ai 30 giorni successivi.

Per ulteriori chiarimenti rivolgersi all’Ufficio Amministrazione del Personale dell’APPE allo 049.7817233

Letto 1279 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti