Giovedì, 23 Luglio 2015 09:38

Nuovi obblighi collegati al possesso di apparecchi per il gioco d’azzardo

Vota questo articolo
(1 Vota)

 

La legge regionale del Veneto n. 6/2015 ha introdotto precise disposizioni in materia di contrasto al Gioco d’Azzardo Patologico (G.A.P.) e, in particolare, nuovi obblighi a carico dei titolari di sale da gioco ed esercizi commerciali in cui sono installati apparecchi per il gioco d’azzardo.

 

Per quanto riguarda i pubblici esercizi nei quali sono presenti apparecchi con vincita in denaro, è previsto l’obbligo di:

  • «esporre in luogo visibile e accessibile al pubblico il cartello informativo sui rischi correlati al gioco» (cartello che dovrebbe essere predisposto dalla Giunta Regionale ma che, ad oggi, non risulta essere stato predisposto);
  • «esporre il test di autovalutazione e verifica del rischio da dipendenza da gioco» (test che dovrebbe essere predisposto dalle singole Aziende ULSS

 

Ad oggi la Giunta regionale non ha (ancora) predisposto il cartello informativo, mentre per quanto riguarda le ULSS:

  • l’ULSS 15 (Alta Padovana) e l’ULSS 16 (Padova) ritengono che il cartello, già predisposto l’anno scorso in ottemperanza al decreto “Balduzzi”, sia valido anche per la nuova legge regionale, in quanto nello stesso sono già inserite alcune semplici domande;
  • l’ULSS 17 (Bassa Padovana) ha invece predisposto un nuovo test di autovalutazione.    

 

APPE ritiene utile riportare quelle che sono le disposizioni collegate ai giochi con vincita in denaro:

  • iscrizione all’elenco degli operatori del gioco;
  • idonea separazione tra area gioco e area somministrazione;
  • presenza del cartello “Ingresso vietato ai minori di 18 anni”;
  • presenza del cartello “Gioco vietato ai minori di 18 anni”;
  • esposizione costo della partita, funzionamento del gioco e regole;
  • presenza altri giochi da divertimento oltre a quelli ex art. 110 comma 6 TULPS;
  • presenza della tabella dei giochi proibiti;
  • esposizione di locandina e dépliant predisposti dalle ULSS;
  • presenza autorizzazione ministeriale per giochi elettronici esposta su ciascun apparecchio (nulla-osta, messa in esercizio e nulla-osta di distribuzione);
  • rispetto degli orari di funzionamento degli apparecchi (solo nei Comuni che hanno regolamentato gli orari, come per esempio il Comune di Padova).

 

  

La nuova legge regionale n. 6/2015 ha inoltre introdotto il divieto di pubblicizzare con cartelli od altre modalità all’esterno e all’interno dei locali le eventuali vincite conseguite.

 

La sanzione per la mancata esposizione dei nuovi cartelli e per la pubblicità delle vincite conseguite va da euro 500 a euro 10.000. In caso di reiterazione si applica anche la sanzione “accessoria” della sospensione dell’attività da 10 a 60 giorni.

 

Poiché vi sono comunque alcuni dubbi interpretativi, l’APPE, per il tramite della propria Federazione regionale, ha inviato alla Regione una richiesta di chiarimenti: non appena sarà data risposta, l’Associazione provvederà a comunicare eventuali nuove informazioni.

 

I cartelli predisposti dalle ULSS sono disponibili presso la Segreteria dell’APPE di Padova, via Savelli 28 e, su richiesta, possono essere inviati anche a mezzo posta elettronica.

 

Per maggiori informazioni è possibile contattare la Segreteria APPE al tel. 049.7817222 – email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.">

   

 

Letto 2319 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti